Viaggiare con auto e caravan in Europa

per-andare-allestero-in-autoViaggiare per conoscere nuovi paesi e usanze è la motivazione principale di molti campeggiatori ma… “paese che vai usanza che trovi”… ovviamente il popolare detto trova la sua applicabilità anche alle norme di comportamento stradale.

Prima di recarsi in vacanza in un paese straniero, è si importante preparare i mezzi e le attrezzature della vacanza, ma è consigliabile essere informati per affrontare serenamente il viaggio cioè: documentarsi sulle norme e comportamenti stradali di base del paese che si intende visitare e verificare che tutti i documenti personali e dei veicoli siano in ordine.

In ambito UE, alcuni paesi aderenti, hanno standardizzato talune normative ma, per quanto riguarda l’uniformazione di tante altre regole attinenti alla circolazione stradale ci sono ancora molte differenze tra un paese e l’altro.

Tra le differenze più conosciute ed evidenti ricordiamo ad esempio:  i pedaggi autostradali, ci sono paesi che applicano tariffe salate (es. Italia e Francia), alcuni dove le autostrade sono percorribili dietro pagamento di una quota fissa relativamente bassa (es. Austria, Svizzera, Slovenia ecc.) e paesi dove sono completamente gratuite (es. Germania, Olanda ecc.).

Highway_speed_limits_europeOppure, i limiti massimi di velocità (v. cartina), in alcuni paesi i limiti di velocità sono piuttosto restrittivi mentre altre nazioni sono più permissive con le velocità massime consentite. Inoltre, in alcuni paesi sono operativi dei limiti di velocità superiori rispetto a quelli ufficialmente imposti e che vengono adottati solo in via sperimentale su brevi tratte e in condizioni di traffico e climatiche favorevoli.

Queste ed altre differenze, incontrate di sovente nei nostri viaggi all’estero, ci hanno suggerito di realizzare una raccolta di informazioni relative ad alcuni paesi europei (l’elenco è in fase di ampliamento  sia come nazioni che come contenuti), che saranno interessanti per gli utenti che sono in procinto di visitare una determinata nazione ma anche per coloro che vogliono soddisfare soltanto la propria curiosità.

Nelle pagine che seguono, suddivise in ordine alfabetico per nazione, abbiamo messo insieme alcune indicazioni di carattere generale che a volte può sfuggire di acquisire preventivamente ma che possono rivelarsi utili sia nella preparazione del viaggio che durante lo stesso.

In quasi tutti i paesi europei vige l’obbligo di apporre sul retro dell’auto e/o della caravan il contrassegno recante la sigla internazionale del paese di origine (l’ovale bianco con la “I” nera al centro).

Tale obbligo non sussiste più per i veicoli muniti della targa di ultima generazione dove la sigla internazionale del paese di immatricolazione è già stampigliata all’origine.

Per quanto concerne l’aspetto dei documenti, quelli indicati sotto, sono da avere sempre dietro per qualsiasi evenienza o richiesta di visione da parte delle forze dell’ordine (può tornare utile fare ed avere custodita una fotocopia dei documenti … in caso di sottrazione o smarrimento):

  • Documenti personali (Carta d’Identità o passaporto) di ciascun componente l’equipaggio, che devono avere almeno tre mesi residui di validità.
  • Carta di circolazione dell’auto (verificare la validità della revisione).
  • Carta di circolazione della caravan.
  • Contrassegno e certificato di assicurazione sia della trattrice che della roulotte.
  • Carta verde di entrambi i veicoli (in molti paesi della CEE non è più obbligatoria ma in alcuni paesi dell’est Europa ancora è necessaria. Sul documento sono sempre indicati i paesi in cui è valida, nei paesi dove non è operativa ma è richiesta sarà necessario fare una copertura assicurativa direttamente alla dogana d’ingresso del paese).
  • Delega a condurre all’estero (nel caso in cui i veicoli fossero intestati a società o persona diversa dal conducente che non facesse parte dell’equipaggio, è necessario farsi rilasciare dal proprietario una delega a condurre i veicoli all’estero. La firma del delegante deve essere autenticata da un notaio o dal comune di residenza).
Viaggiare con auto e caravan in Europa 5.00/5 (100.00%) 4 votes

Lascia un Commento